venerdì 11 maggio 2007

Gli slogan di Ateneo Studenti

Qualche giorno fa stavo, in occasione del post sui manifesti elettorali Azione universitaria e UDU, stavo per scrivere qualcosa come "lodevole l'iniziativa di Ateneo studenti di optare per degli adesivi, più discreti e capaci di suscitare curiosità". Ho fatto bene: due giorni dopo il loro attacchinaggio fu radicale e selvaggio quasi quanto quello di Azione universitaria. Anzi, passando per l'ingresso principale dell'Università centrale, sembrava quasi che tra i due partiti fosse scoppiata una guerra, con quelli dell' UDU in ritardo costretti ad attaccare sopra gli altri manifesti che avevano egemonizzato tutti gli spazi.

I manifesti di Ateneo studenti hanno degli slogan bellissimi. Verrebbe da pensare che abbiano preso un esperto di comunicazione, che ne so, degli studenti CIM per crearli, mentre lo studente CIM, o meglio, la studentessa CIM, è la candidata di Azione universitaria.
Quali sono questi slogan straordinari?
Andiamo a vedere.

La grandezza di un popolo, la forza di un uomo
Matteo Greco, matricola della Facoltà di Lettere. Non dubito che possa avere del potenziale, ma uno slogan così neanche Berlusconi l'ha usato.

Se non vuoi la solita minestra, barra la finestra.
Tralasciando l'originalità, avrebbero potuto puntare sulla provocazione: "Chi ama la figa tracci una riga" sarebbe stato più forte!

E infine...
e CL dove la lasciamo?

23 commenti:

M.R. ha detto...

La studentessa di CIM, da brava studiosa di comunicazione, ha deciso di puntare tutto sull'immagine...
E direi che bene ha fatto visto che un altro studente di CIM così scrive:" Qualche giorno fa stavo, in occasione del post sui manifesti elettorali Azione universitaria e UDU, stavo per [...]".
"due giorni dopo il loro attacchinaggio fu radicale e selvaggio"
Vedrai che tra altri due giorni qualcun altro avra ricoperto i loro manifesti. E' sempre cosi.
Last but note least C.L. non è né un partito(A.U. dipende da A.N.) né un sindacato (U.D.U. dipende da C.G.I.L.):teoricamente,tecnicamente e praticamente hannno ragione.

alberto ha detto...

si, ma loro non possono andare a parlare agli studenti dicendo di essere indipendenti, perché non corrisponde alla verità...devono avere l'onestà per dire che sono di CL. e comunque vedo la candidatura di quel matteo greco come un'azione kamikaze...un tipo del primo anno che nessuno sa chi sia, ed è pure brutto e con un gran sorriso da pirla!

dreand ha detto...

Beh, non dipende da CL: mi hanno detto che Stefano Pellegrino e il suo delfino sono ciellini.
Non stiamo parlando degli ultimi arrivati a AS, ma delle due punte di diamante. E CL, non sarà un partito, ma è un lobby abbastanza potente, soprattutto qui in Lombardia...

Alberto ha detto...

Il precedente "alberto ha detto" non è mio...spero sia un caso di omonimia e non uno scherzo poco divertente. Tra l'altro lo stile del commento mi è parso poco elegante. Per quanto riguarda CL non è né un partito né un sindacato. Che poi sia una lobby è vero. Ma le lobby fanno parte della democrazia. C'è la lobby della cooperazione internazionale, quella delle sigarette, quella delle armi, quella dell'ambiente/ecologia, quella cattolica (appunto) ecc. ecc. Non sono un male, ma fanno parte di un processo normale in democrazia. Ci sono anche corsi di laurea e master in "Lobbying and Advocacy": servono a chi vuole imparare a difendere i propri interessi, come è normale che sia. Poi possiamo discutere sui metodi...

alberto ha detto...

è uno scherzo poco divertente, infatti tu sei l'unico in italia a chiamarsi alberto

M.R. ha detto...

Be lo stile di "Alberto" el diretur si riconosce :D

Valina ha detto...

scusate, permettetemi di spezzare una lancia a favore di Ateneo Studenti, il fatto che alcuni?buona parte?di loro siano di C.L. non vuol dire nulla, se all'interno delle "lotte" per l'università ciò non interferisce.
dubito che avendo un peso su l'uni riusciranno a togliere l'aborto, no?
il fatto di essere fortemente credenti non vedo come possa essere una mancanza di sincerita, dovevano andare in giro a dire"guardate...noi non siamo alleati con nessun partito, ma siamo di CL, anche se il fatto non ha nulla a che vedere con l'università"...no?per me non ha molto senso.
in più non sono tutti di CL, il che vuol dire che l'apparteneza religiosa non c'entra.

Alberto ha detto...

Non male l'ironia di alberto. Grazie per la lezione. Credevo di essere unico e inimitabile. Peccato. :D

dreand ha detto...

Tornando al discorso, lobby o no, non mi pare che CL vada ritenuta di minor importanza di un sindacato o un partito. Ricordiamo gli uomini illustri in Lombardia e le loro politiche (esempio, Formigoni e gli aiuti alle scuole private).
Ok, Liberi da partiti e sindacati, ma non da CL

Alberto ha detto...

Beh non credo nemmeno che si tratti di una questione di importanza. È una lobby che esercita le sue pressioni e manda le persone che tutelano i suoi interessi a guidare le istituzioni pubbliche. Non è niente di scandaloso. Non è nemmeno scandaloso il fatto che sindacati, partiti e gruppi di pressione finanzino i gruppi di studenti. È scandaloso invece sostenere che tali finanziamenti non esistono. È scandaloso non sapere a quanto questi ammontino. È scandaloso quando questi gruppi organizzati di studenti possono accedere ad altri fondi senza nessun limite (v. fondi acersat) sottraendoli ad altri gruppi informali e non dipendenti da partiti/sindacati/lobbies. Per quanto riguarda Ateneo Studenti penso che non sia giusto, al pari degli altri "partitini" che questa associazione acceda liberamente ad altre risorse. Ma per quanto riguarda l'indipendenza, almeno per il caso specifico di Pavia, sono l'unico gruppo a non fare proposte solo "ideologiche" ma anche "pratiche", spingendo sempre (almeno un poco) al dialogo. Inoltre non tutti i loro rappresentanti sono così "estremisti" come li si dipingono. Ricordiamoci che anche un ateo praticante come Alessio è stato rappresentante eletto con AS.

l'altro alberto ha detto...

il fatto è che si possono anche definire "indipendenti" per quanto riguarda i partiti, ma che il loro candidato parlando agli studenti "casualmente" ometta che sono legati a CL mi sembra una mossa scorretta...e un'omissione del genere credo valga quanto una bugia. che poi comunque sia abbastanza risaputo che sono di CL è ovvio...in quanto agli estremismi religiosi, mi sembra normale che possa entrare in ateneo studenti anche un ateo, ci sarebbe da stupirsi del contrario. ma io conosco un paio di persone di ateneo studenti ed è vero non sono esattamente dei laici, per usare un eufemismo...e anch'io sono contro il laicismo totale, ma sono anche contro l'uso del cilicio...

Anonimo ha detto...

http://yasinearth.blogspot.com/

M.R. ha detto...

1) Il cilicio non è una prerogativa di CL. Non confondiamo. In ogni caso ognuno è libero di usare il cilicio come di essere omosessuale o bisessuale o transessuale o eterosessuale. Mi interessa che nella gestione della res publica sia pratico e pragmatico.

2) Sta storia degli aiuti alle scuole l'ho sentia "N" e non ho ancora capito il legama con CL. Inviterei piuttosto a guardare gli aiuti alle COOP fatti da Mussi e Bersani. Ricordo anche che a luglio scorso il ministro Fioroni (che Ciellino NON è) strillava contro i tagli sciagurati fatti dal governo Berlusconi alle scuole private...

3) Non vedo nessuna omissione, nessuna scorettezza e nessuna bugia: per anni ho sentito che CL era vicino a F.I., che A.S. era la giovanile di F.I. etc. etc. e adesso vedo i giovani di F.I. candidati in A.U. Qualcosa non mi torna.
Qualche ricordo vissuto in prima persona:
3.1. Ho avuto il piacere di assistere ad un CdF in cui una docente di CL voleva convincere un paio di studentesse di A.S. a votare un determinato candidato. Le due studentesse hanno votato con la loro testa. Se fossero cosi legati non succederebbe.
3.2. Ricordo altrettanto bene che quando gli studenti di medicina di un sindacato studentesco NON votarono il candidato gradito al "Sindacato" successe un bel caos. Solo uno studente di medicina del sindacato studentesco votò, nonostante i suoi amici e colleghi fossero tutti d'accordo in altro modo, il candidato gradito al sindacato. Il suo "tradimento" agli amici e la sua fedeltà al "Sindacato" sono stati premiati: siede in Senato Accademico. In Senato inoltre il suddetto studente ci è andato di sbieco. Il "sindacato studentesco" infatti, conscendo la fama non certo eccelsa del suddetto studente, candidò come primo nome una studentessa che già sapeva di partire per l'erasmus.

4) Trovo, infine, molto più scorretto che qualcuno si faccia campagna durante iniziative finanziate dall'Ateneo con i soldi di tutti gli studenti.

M.R. ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
alberto ha detto...

mi potresti delucidare sul punto 4? giusto per capire.

M.R. ha detto...

In Ateneo sui banchetti di un noto sindacato studentesco trovi, oltre ad altre cose, i depliant di una nota (ed ipercostosa) rassegna cinematrografica. Rassegna finanziata con i fondi ACERSAT e che casualmente parte prima delle elezioni. Vai alla rassegna suddetta (per entrare paghi un biglietto) e cosa trovi? La candidata (infelice la scelta di candidare una studetessa che è abbondantemente fuoricorso) che si fa propaganda ed arringa la folla...

Luca R. ha detto...

quanti commenti... bravi

dreand ha detto...

Io invece, Marzio, ho spesso sentito ragazzi di altre università (Statale di Milano, Brescia...) parlare degli aiuti che studenti di CL avevano coi professori, nelle copisterie, nelle librerie...

Seconda cosa: Alberto, ho capito che la lezioncina sulle lobby e la democrazia la sai, ma non è una questione di lobby o no. La questione è fare le cose in chiaro.

Terzo: Valina, non tutti in AS sono legati ad CL, ma il capo e il delfino sì, lo sono.

Mizar ha detto...

"Io invece, Marzio, ho spesso sentito ragazzi di altre università (Statale di Milano, Brescia...) parlare degli aiuti che studenti di CL avevano coi professori, nelle copisterie, nelle librerie..."

Ho SENTITO ragazzi di altre universita PARLARE. Ottimo. Fonte certa e interessante. Io li ho studenti di CL essere trattati male all'esame da docenti di CL.
Altro esempio se ti iscrivi alla CDO a Brescia ti danno una tessera. Con la tessera hai lo sconto da Tadini e Verza e in altri negozi: che cül (se mi passate il francesismo). Anche con la tessera dell' ESSELUNGA ho degli sconti.
Infine i ragazzi di ateneo studenti gestiscono come volontari(non pagati) in molte università delle copisterie,librerie. Se hanno due lire di sconto mi pare anche normale. Quando facevo l'istruttore di vela (gratis) avevo una serie di facilities.

"Seconda cosa: Alberto, ho capito che la lezioncina sulle lobby e la democrazia la sai, ma non è una questione di lobby o no. La questione è fare le cose in chiaro."

Ci sono cose MOLTO, MOLTO meno chiare. E chi le fa va poi in giro ad gettare m....a sugli altri.

"Terzo: Valina, non tutti in AS sono legati ad CL, ma il capo e il delfino sì, lo sono."
E quindi lo sono anche tutti gli altri? Rispondono a direttive dall'alto? Chiedi ad Alessio e vedrai cosa ti racconterà delle sue 2 esperienze.

Andrea ha detto...

No, l'implicazione logica nella terza confutazione mi sembra sbagliata. Intendo dire che non tutti, ma i pezzi grossi, quelli che valgono, sono di CL. Mi sembra abbastanza

Alberto ha detto...

Beh ma a questa stregua ancora non capisco che ci sia di male ad essere ciellino. Può anche considerarsi un fatto privato. Come dire che io sono iscritto, non so, al Rotary Club o a qualsiasi altra associazione (non so, mettiamo Italia Nostra, Greepeace, Emergency e bla bla bla). Ognuna di queste associazioni lotta per dei principi di cui si fa portatrice (condivisibili o meno che siano) e cerca di difenderli esercitando pressioni, raccogliendo firme, compiendo gesti più o meno eclatanti. Pensa se io, che sono il direttore di Inchiostro, fossi iscritto a un partito: ciò implicherebbe che tutti nella redazione sono iscritti a quel partito? Forse il problema non è esattamente questo. Non credo che ogni volta che un candidato dell'Udu o di Azione si presenta dice "Ciao, io faccio parte dell'Udu (di Azione), gruppo finanziato da questo partito/sindacato bla bla bla". Non succederà mai. Però si sa a quali gruppi sono legati. Come si è a conoscenza del fatto che Ateneo Studenti è la rappresentanza dei "cattolici" e riceve aiuti da CL. Fermo restando che non trovo grave il fatto che ci siano degli aiuti mentre trovo molto più gravi altre violazioni. Forse dovremmo parlare di questi problemi. In un altro post però.
Augh

Mizar ha detto...

Quando ero direttore del giornale ero anche rappresentate in Facoltà di Scienze MM.FF.NN per StudentIndipendenti: NON mi pare che Inchiostro fosse una succursale di S.I.
Lo stesso dicasi quando in redazione c'erano 4 membri dell'U.D.U (poi usciti tutti dall'U.D.U. in quanto il clima era irrespirabile). Inchiostro NON era una succursale dell'U.D.U. (come invece qualcuno avrebbe voluto).

Alberto in quanto direttore può farti tutte le lezioncine che vuole ;D

Mizar ha detto...

Quando ero direttore del giornale ero anche rappresentate in Facoltà di Scienze MM.FF.NN per StudentIndipendenti: NON mi pare che Inchiostro fosse una succursale di S.I.
Lo stesso dicasi quando in redazione c'erano 4 membri dell'U.D.U (poi usciti tutti dall'U.D.U. in quanto il clima era irrespirabile). Inchiostro NON era una succursale dell'U.D.U. (come invece qualcuno avrebbe voluto).

Alberto in quanto direttore può farti tutte le lezioncine che vuole ;D